Orecchiette con asparagi


La verità all’origine di questa ricetta è solo una; sabato avevo il frigorifero mezzo vuoto, ma tanta fame e una strana voglia di pasta fresca….le orecchiette del signor Pino mi guardavano con bramosia (o forse ero io a guardarle così? Più probabile), ma non avevo le cime di rapa, solo un bel mazzo di asparagi. Mi sono detta “verde per verde, perché non provare?”. Siccome il risultato ha superato le mie aspettative, ho pensato di condividere la ricetta.

Leggi…


Spaghetti alla curcuma e tofu affumicato (veg-carbonara)


Ho avuto il divieto assoluto di chiamare questa ricetta ” vegan carbonara” da una cara amica romana che – in quanto tale- di carbonara se ne intende. Vedi Dottoressa? Ti ascolto sempre e capisco il tuo sconforto quando alla ricetta onnivora originale tutti si permettono di aggiungere ingredienti improbabili come il parmigiano, la panna o la pancetta al posto del guanciale. Ma non temere amica, io non ho aggiunto nulla di tutto questo 😉 ho solo cercato di ricreare quel bel sapore affumicato e quel gusto intenso di questo primo piatto della tradizione romana. In chiave vegan ovviamente!

Leggi…


Risotto semi integrale arance&zafferano


La mia passione per il risottino tradisce in pieno le mie origini lombarde e milanesi, inoltre ho trasmesso questa passione anche a Blondie che ormai sta diventando quasi più bravo di me nel preparalo. E siccome la cosa non mi piace per niente, questa volta ho deciso di sorprenderlo con un accostamento per lui quasi impensabile (voglio dire, lui è il tipo che segue le ricette pedissequamente e se non ha uno degli ingredienti entra in agitazione, io invece tendo sempre ad improvvisare un po’!); arance & zafferano.

Leggi…


Mousse all’aquafaba (e cioccolato!)


Ormai avrete capito che ho un debole per il cioccolato, soprattutto quando si presenta sotto forma di mousse soffice e spumosa, qui sul blog potrete trovare 4-5 varianti con i più diversi ingredienti, dall’avocado al più tradizionale latte vegetale. Ebbene sì, lo ammetto, sono golosa e anche un po’ monotematica, ma perché una ricetta diventi un cavallo di battaglia bisogna sempre perfezionarla e sperimentare varianti, no? Ecco allora che anch’io mi sono tolta lo “sfizio” di testare l’aquafaba, ossia l’acqua di conservazione dei legumi (dei ceci in particolare, ma anche quella dei cannellini funziona perfettamente) dopo aver letto mille ricette sul web. A dire il vero non è la prima volta che la utilizzo, d’altra parte consumando molti legumi tra l’acqua di conservazione di quelli in lattina e quella di ammollo dei legumi secchi mi sono sempre chiesta come non sprecarla, inoltre è dalla fine del 2014, ossia da quando lo chef francese Joël Roessel ha scoperto la capacità di questo liquido di montare come l’albume d’uovo, che in rete si possono trovare ricette per vegan macaron, meringhe e ovviamente mousse.  Leggi…


Spaghetti barbabietola&carciofi


Lo sapete, da quando ho “riscoperto” la barbabietola, dopo anni passati a considerarla un ortaggio di serie C, ne consumo quantità industriali e mi piace in ogni modo…persino cruda affettata sottile sottile! Per mitigare l’innegabile sapore terroso basta aggiungere qualche goccia di limone e voilà, problema risolto anzi, cosa facendo, assorbiremo meglio il ferro che contiene. Deve il suo bel colore rosso rubino alla presenza di antociani, ottimi per la salute del nostro cuore e della microcircolazione in generale. Ricca di molti sali minerali quali sodio, calcio, potassio, ferro, magnesio e fosforo è consigliata  a chi soffre di anemia e in generali quando si stanno affrontando momenti di stanchezza. Ho detto che ha anche poche calorie? Attenzione però agli zuccheri (non per niente se ne ricava lo zucchero) se soffrite di diabete e anche di calcoli renali – contiene infatti ossalati . Leggi…


Vellutata di sedano rapa e broccoli


Innanzitutto, buon anno a chi mi legge! Siamo entrati nell’anno che mi vedrà presto entrare negli “anta” e, lo confesso, non sono certa che prenderò benissimo questo traguardo, quindi tanto vale iniziare ad esorcizzarlo da subito. Avete qualche consiglio?

Leggi…


Spaghetti con zucchine & noci


Lo so, la foto è davvero brutta, il verde delle zucchine si è perso nella luce gialla ….dovrei ricordarmi di non fotografare mai il cibo di sera nella mia piccola cucina male illuminata, ma siccome la ricetta merita davvero, facciamo insieme uno sforzo d’immaginazione e poi saranno le papille gustative a decretare la vittoria (spero!).

Leggi…


Penne gluten free al pesto di cavolo nero con broccoli e olive nere


In autunno torna sulla nostra tavola Mr Superfood 2015, noto anche come cavolo nero (o toscano); ricco di vitamina K, la vitamina che svolge un ruolo fondamentale nella corretta coagulazione del sangue, questo alimento è sconsigliato solo a chi prende medicinali anticoagulanti ovviamente, ma per tutti gli altri è più che raccomandato, come tutti gli ortaggi a foglia verde. In particolare è consigliato a chi soffre di celiachia poiché spesso accusa  un deficit di tale vitamina – la cui carenza può portare a gravi emorragie e persino una precoce osteoporosi dovuta al fatto che  la vitamina K partecipa attivamente alla fissazione del calcio nelle ossa.

Leggi…


Crema di avocado e cannellini


Da quando ho scoperto gli avocado di Sicilia Avocado difficilmente ne acquisto altri; mi piacciono perché non avendo viaggiato per lunghe distanze sono stati colti nel momento giusto e quindi sono pronti per essere mangiati subito o al massimo nel giro di 3-4 giorni. Ma siccome manca ancora un mesetto all’inizio della nuova raccolta,  l’altro giorno ho avuto la sciagurata idea di acquistarne uno che arrivava dal Perù: duro come una roccia, l’ho messo accanto alle banane per velocizzarne un po’ la maturazione. Ieri sera mi sembrava pronto; la buccia si era scurita, risultava abbastanza morbido al tatto e, rimuovendo il picciolo, la polpa appariva del giusto colore. Appena ho affondato il coltello però ho capito di essermi sbagliata 🙁 era ancora duro e ormai non potevo più rimediare al mio errore! Leggi…


Vegan almond mozzarella


Quanti vegani rimpiangono ancora un po’ i formaggi? Io, da quando ho scoperto quelli a base di noci, non più, ma capisco bene che per molte persone “in transizione” rinunciare alla caseina sia un po’ più difficile, d’altra parte diversi studi hanno ampiamente dimostrato quanto i grassi della caseina agiscano sui recettori oppioidi del cervello, provocando quindi assuefazione e dipendenza (qui potete approfondire uno degli ultimi studi pubblicato nel 2015). Leggi…