Cauliflower rice con verdure e hummus di barbabietola


Ebbene sì, sono un po’ meteoropatica, lo ammetto; non è che non ami l’inverno, ma quest’ultimo è stato per me particolarmente difficile e pesante ed in generale i mesi di gennaio e febbraio sono per me i più ostici, quando arriva Marzo tiro sempre un sospiro di sollievo, anche se poi magari si rivela un mese piovoso e grigio – come vuole la tradizione – io riesco comunque ad entrare in un’altra “modalità”, quella primaverile, nella quale mi sento rinascere come la natura circostante. Al momento pioggia e vento si alternano a giornate di sole e cielo azzurro qui a Milano, quindi ecco una ricetta che mi porta un po’ in climi più mediterranei, dove però il cavolfiore fa da padrone, regalando una leggerezza ed un gusto inaspettati al più classico dei piatti estivi; l’insalata di riso 😉

Sul web si trovano tante ricette di cauliflower rice  e io non potevo non cimentarmi in questa semplicissima preparazione, ero troppo curiosa di assaggiare il cavolfiore crudo! Che gusto ha? Completamente diverso dal cavolfiore cotto, questo è certo. Compatto, croccante, leggermente terroso forse, non fa assolutamente rimpiangere il riso od il cous cous tradizionalmente utilizzati.

Ingredienti;

1/2 testa di cavolfiore

2 pomodori costoluti ( lo so, non sono di stagione, ma ho miseramente ceduto alla voglia d’estate, lo ammetto!)

broccoli

1/2 lattina di fagioli neri già lessati

1/2 limone (succo)

olio, sale, pepe e spezie a piacere

Per la crema di barbabietola

1 grossa barbabietola cotta

1/2 limone (succo)

2 cucchiai di salsa tahina

olio (facoltativo)

Procedimento;

Dopo aver ricavato i fiori del cavolfiore – siate generosi, non eliminate del tutto i gambi- versateli nel boccale del robot da cucina e sminuzzateli a media- alta velocità per circa 45-60 a seconda della potenza del vostro robot; non devono diventare una crema, ma assomigliare a dei chicchi di riso, mi raccomando. Poi versate il tutto in canovaccio di cotone, strizzate bene e lasciate scolare in uno scolapasta ( se avete una borsa di garza per il latte vegetale ancora meglio, io sono riuscita a lacerare il mio canovaccio, strizzando con troppo vigore!), eliminando l’acqua in eccesso infatti il cavolfiore saprà meno di “verdura”.

Nel frattempo in una ciotola capiente unite i pomodori tagliati a dadini (ho indicato i costoluti perché contengono pochi semi, in alternativa va benissimo qualsiasi altra varietà purché eliminiate i semi acquosi), i broccoli cotti al vapore per 5 minuti – devono restare croccanti- e i fagioli neri già cotti. Condire il tutto con un cucchiaio di olio extra vergine, il succo di mezzo limone,  un pizzico di sale e altre spezie a piacere – io aggiungo sempre del peperoncino fresco o secco a seconda di quello che ho in casa. Amalgamate tutto e lasciate riposare.

Ora passiamo alla crema di barbabietola; sbucciate la barbabietola cotta ( se arrostita molto meglio), riducetela a dadini e versateli nel boccale del robot ( o nel bicchiere del frullatore ad immersione, non ci vorrà una grande potenza per ridurla in crema), aggiungendo due cucchiai abbondanti di salsa tahina ed il succo del mezzo limone rimasto. Frullate fino ad ottenere una bella crema densa e corposa.

Ora non resta che “assemblare” il tutto, quindi date un’ultima strizzata al cavolfiore e versatelo nella ciotola con gli altri ingredienti, mescolate bene ed il vostro cauliflower rice sarà pronto.

Servite accompagnato dalla crema di barbabietola e fatemi sapere se vi è piaciuto 😉


2 risposte a “Cauliflower rice con verdure e hummus di barbabietola”

  1. Meggy

    Ciao Glenda ma che bel sito!Proprio questa settimana ho provato il caulirice, e mi è piaciuto molto,davvero versatile!Non sono vegana ma ultimamente sto provando un sacco di ricette beh è vegetariane,su Instagram ho trovato delle idee bellissime e i tuoi piatti non sono da meno, che bei colori!Ti seguo volentieri … A presto

    Rispondi
    • glendalicious

      Grazie mille, mi fa davvero piacere sapere di incuriosire qualche onnivoro aperto a nuovi gusti! Ora mi faccio un giro sul tuo blog ovviamente 😉

      Rispondi

Lascia un commento