I 10 buoni propositi del Vegano per l’anno nuovo


Ebbene, buon anno! Ancora qualche giorno e poi potremo smontare l’albero di Natale e riporre tutto in soffitta o in cantina fino all’anno prossimo. Siete sopravvissuti alle feste comandate? Io sì, non mi posso lamentare, i miei parenti onnivori hanno mangiato tutto quello che ho preparato per loro, gli avanzi sono stati congelati  e mi stanno tornando utili in questi giorni di ozio ed inoltre ho ricevuto dei regali favolosi e ho iniziato l’anno con Blondie in Irlanda, cosa chiedere di più? 

Ecco che, come da – recente- tradizione, il primo giorno dell’anno è il momento in cui si prendono alcune decisioni per vivere al meglio l’anno appena iniziato, io mi sono presa un paio di giorni in più per pensarci bene ed ecco qui i 10 buoni propositi del Vegano per l’anno nuovo, perché sì, persino i vegani non sono perfetti e devono sempre migliorarsi, esattamente come gli onnivori 😉

centrifughe

Al primo posto, dopo tutti i bagordi delle feste, c’è la ferma convinzione di bere più centrifughe, succhi freschi e frullati. La differenza sostanziale tra la centrifuga ed il frullato è che dalla prima si ottiene il succo, mentre la fibra -ossia la polpa -viene scartata, viceversa nel secondo della frutta o verdura rimane anche la fibra. Senza tutta la fibra, il sistema digestivo non deve lavorare per assorbire le sostanze nutritive, che in questo modo, sono facilmente disponibili per il corpo in quantità molto più grandi di quanto se ne assumerebbero mangiando frutta e verdura intera. Bisogna però fare attenzione a quello che si mette nella centrifuga. Il succo liquido, senza la fibra, viene assorbito nel flusso sanguigno velocemente e se si utilizza solo la frutta si rischia un rapido picco di zuccheri nel sangue,per questo motivo vengono spesso composti da frutta e verdura insieme. I frullati invece mantengono le fibre; anche se sono assimilabili più lentamente dall’organismo e hanno bisogno di una concentrazione maggiore per ottenere lo stesso apporto di vitamine, sali minerali e nutrienti essenziali rispetto al centrifugato, sono ottimi e aiutano a ridurre il senso di fame tra un pasto e l’altro.

camminare

Io non sono proprio una sportivona, ma certo è che sono una grande camminatrice, quindi il secondo buon proposito è camminare ancora di più ( praticare uno sport a me affine, tipo Pilates o Yoga).

dormire 2

Sappiamo tutti quanto sia importante dormire bene e per tutto il tempo che il nostro corpo necessita , ovvero , secondo le linee guida :

Neonati: da 14 a 15 ore al giorno
Bambini: da 12 a 14 ore al giorno
Adolescenti: da 10 a 11 ore al giorno
Adulti: da 7 a 9 ore al giorno

Ricordarsi che un’ora di sonno prima della mezzanotte vale come quattro ore di sonno dopo la mezzanotte. Io devo essere rimasta un’adolescente perché quando sono libera di svegliarmi senza infernali musichette o suoni acuti e ripetitivi  10 ore di sonno non me le leva nessuno. E sì, vado sempre a letto prima di mezzanotte 😉

viaggiare 2

Bene, ora che siamo depurati grazie alle centrifughe, in forma grazie alle camminate e belli riposati grazie al sonno perfetto, perché non programmare un viaggetto? Che sia un week end a 100 km da casa o una viaggio vero e proprio dall’altra parte del mondo, poco importa, ciò che conta è stimolare la nostra curiosità naturale immergendoci in uno scenario totalmente nuovo.

no stress

Per quanto posso sembrare banale, vivere senza stress è qualcosa più facile a dirsi che a farsi, anche se il vegano, grazie alle sue scelte alimentari, è sicuramente aiutato (e mi riferisco soprattutto all’eliminazione degli zuccheri raffinati) a vivere in maniera più rilassata. Che sia farsi la manicure, fare  yoga all’alba, cucinare, andare al cinema, prendere la patente nautica, iscriversi ad un corso ( sì, va bene anche il corso di ceramica!) o fare la maglia, non importa, coltivare una passione aiuta a vivere meglio, ovvero senza stress. Non siamo degli automi e non siamo programmati per sprecare la nostra vita chiusi in scatole, ma se proprio dobbiamo farlo per circa 8 ore al giorno, ebbene, utilizziamo le restanti 16 per vivere come ci piace.

Sauerkraut-Kale-Chips-Vegan-Gluten-Free-2

Mangiare più cibi crudi, biologici e a km 0, questo sì che è davvero un buon proposito a tutto tondo!Quindi sì a cibi che non superino i 42° gradi di cottura ( se ci prendete gusto, un essiccatore sarà indispensabile) in modo da  mantenere intatti enzimi, sostanze antiossidanti e batteri che la cottura distrugge e che possono favorire la digestione, irrobustire il sistema immunitario e contrastare l’invecchiamento dell’organismo. Io consiglio CiboCrudo per acquistare online tutto ciò di cui avete bisogno!

Leggere, studiare, informarsi su tutto quanto riguardi l’alimentazione, la nutrizione e la scelta vegan. Non affidatevi ai gruppi Facebook, non chiedete consigli a chi non ha titoli per discutere la cosa più preziosa che ognuno di noi possiede; la salute. Nella sezione Cosa leggono i vegani potete trovare qualche testo e qualche documentario indispensabile per iniziare a capire la scelta vegana da vari punti di vista. Non voglio rivelare ancora i dettagli,ma a breve spero di darvi una buona notizia, quindi fate il tifo per me!!! Update di settembre 2015, potete trovare anche una Top Ten riguardante le letture estive del vegano (e non solo)

reciclare

Parola d’ordine: riciclare ..e non solo perché il Comune di residenza ce lo richiede! Riciclare significa non solo buttare nel contenitore del colore giusto plastica, alluminio,vetro, carta e umido, ma anche utilizzare nuovamente bottiglie, vasetti, lattine, etc. per annaffiare le piante, per creare nuovi vasi, insomma, mettiamo alla prova la nostra creatività prima di sbarazzarci definitivamente di qualcosa. Pensate che Matt&Nat  utilizzano bottiglie di plastica per creare le fodere di tutte le loro splendide borse!

tolleranza verso onnivori

Impariamo l’arte dell’autoironia; gli onnivori più carnisti ci sbeffeggiano in continuazione? Ridiamoci sopra, non prendiamoci e non prendiamoli troppo sul serio. Siamo stati così anche noi, abbiamo creduto alle stesse “indiscutibili verità del normale, naturale e necessario”, poi abbiamo fatto scelte diverse, scelte che magari faranno anche loro in qualche minima misura e, se succederà, non sarà certo perché gli abbiamo chiamati “mangiacadaveri”, ma perché si sono lasciati incuriosire da noi, dal nostro esempio e …da quello che gli abbiamo messo nel piatto.

save-the-date-

Andare al VeganFest 2015 o magari all’incredibile London Veg Festival – la data di Brighton è già stata fissata per il 28 e 29 marzo- o ad un altro festival che riunisca cibo e cultura vegana e dia l’opportunità di incontrare persone nuove, ampliare le proprie conoscenze e…sentirsi meno soli 😉 Update di settembre 2015; tra pochi giorni inizierà il Sana  a Bologna (12-15 settembre)- io purtroppo non ci potrò essere 🙁  e ad ottobre si terrà il MiVeg a Milano!

Non è emozionante iniziare qualcosa di nuovo?


Una risposta a “I 10 buoni propositi del Vegano per l’anno nuovo”

  1. Be Up Pilates Studio a Milano | It's healthylicious

    […] promesso, oggi vi svelo il luogo che mi farà tenere fede ad uno dei dieci buoni propositi per l’anno nuovo e che ho scoperto del tutto casualmente, mentre ero intenta a fare la spesa ed ero in crisi […]

    Rispondi

Lascia un commento