Le 10 migliori tinte per capelli vegan (2° edition)


Le vacanze faranno bene a corpo e soprattutto spirito, ma di certo non ai nostri capelli; la salsedine li secca e rende crespi, il vento li annoda impietosamente, il sole li schiarisce e disidrata nel giro di poco tempo. Insomma, finché si è al mare il look da surfista può anche andare – personalmente a me non è mai riuscito; ho i capelli dritti, ma l’umidità me li gonfia e al posto di graziose onde baciate da riflessi più chiari mi compare in testa una sorta di ananas che ha preso la scossa- ma una volta tornate in città dobbiamo necessariamente dedicare qualche cura ai nostri capelli un po’ provati dalla troppa vita all’aria aperta. Colorarli sì, ma anche nutrirli e coccolarli e ovviamente con prodotti non solo cruelty free, ma anche vegan. Ecco le migliori 10 tinte per capelli che rispondono a questi requisiti ( trovate la 1° edition qui) ;

aveda

Attenzione, come ho già detto in altre occasioni, non tutti i prodotti di Aveda sono vegan, ovvero privi di derivati animali, ma tutti sono cruelty free – qui potete leggere il report di PETA . La buona notizia è che tutte le colorazioni professionali di Aveda sono prive di derivati animali ed essendo a base di oli vegetali e prive di ammoniaca curano il capello stressato e danneggiato oltre a colorarlo.bionike

Una colorazione casalinga perfetta sia per coprire i capelli bianchi che per ristrutturare i capelli stessi è quella offerta da BioNike, azienda italiana che vanta un proprio laboratorio di ricerca e sviluppo in cosmetologia sin dagli anni 30. E’ acquistabile in farmacia e questa colorazione è senza ammoniaca, senza resorcina , senza parafenilendiammina, senza conservanti, senza glutine  ed è testata per minimizzare la presenza di  nickel. Serve alto?

arctic-fox

Settembre è il mese dei cambiamenti e delle novità? Non vi interessa  solo coprire i capelli bianchi, ma stravolgere completamente il vostro look magari osando un colore accesso e fuori dal comune? Sono ben 12 le colorazioni vegan e cruelty free offerte da Arctic Fox e di convenzionale hanno davvero ben poco; il colore dura al massimo 8 settimane, quindi poi potete tornare al vostro castano senza troppi problemi 😉 Siccome ahimé siamo nella black list dei paesi in cui Arctic Fox non spedisce, conviene  acquistare la colorazione scelta su Amazon UK, soprattutto ora che il cambio con la sterlina non ci è più così sfavorevole!

centifolia

Di origine francese, ma tranquillamente acquistabili on line sono le polveri coloranti di Centifolia a base di erbe dalle proprietà non solo coloranti ( più che altro rafforzanti del colore se usati insieme agli henné), ma energizzanti, rafforzanti e nutrienti quali ad esempio l’amla, il brahmi, la camomilla e la curcuma, tutte di origine biologica certificata.

paul-mitchell

Per un risultato più duraturo e professionale, i saloni Paul Mitchell offrono colorazioni da sempre mai testate sugli animali e prive di derivati animali – attenzione però ai balsami, alcuni contengono cera d’api!

erbe-di-jonas

Vengono dalla splendida Sardegna e hanno la certificazione Vegan Ok la maggior parte dei prodotti di Le Erbe di Janas; le diverse erbe coloranti hanno anche un’azione equilibrante e nutriente a seconda del bisogno. Una vera coccola per i nostri capelli!

logona

I prodotti del brand tedesco Logona  sono distribuiti in Italia da Ki Group, quindi sono piuttosto facili da trovare. Le colorazioni sono formulate per minimizzare il rischio di allergie, gli ingredienti sono di origine vegetale, biologica e fair trade  e sono disponibili sia in polveri che creme, a seconda del grado di abilità di chi si accinge a colorarsi i capelli.

khadi

Certificazione vegan e biologica contraddistinguono le colorazioni di Khadi, brand indiano nato negli anni 60. Acquistando i loro prodotti si sostiene l’attività dell’Ashram Gramodaya dove la gente del vialaggio produce tessuti, saponi, shampoo e queste colorazioni per capelli secondo le regole dell’ Ayuverda , la medicina tradizionale indiana.

_eco-colors-hair-chart

Forse dovrebbero un po’ rivedere packaging ed immagine visto che entrambi fanno apparire EcoColors ancorato ai cari e vecchi anni ’70, ma è la sostanza quella che conta, no? Ancora una volta, non tutti i prodotti sono vegan (gli shampoo contengono spesso proteine della seta), ma tutti sono certificati biologici e cruelty free

phitofilos

Ed  infine non dimentichiamoci tra una colorazione e l’altra di utilizzare le favolose gelatine vegetali di Phitofilos prive di glicole, siliconi, SLS, SLES, oli minerali e parabeni, altamente pigmentate e capaci di farci ritardare il prossimo appuntamento col parrucchiere!


I commenti sono chiusi.