Mantra Raw Vegan, Milano


Qualche giorno fa io e Pontin, la mia amica dai capelli rossi, ci siamo ritrovate per un pranzetto “regali& gossip” (ebbene sì, siamo ormai a febbraio, ma io devo ancora consegnare regali natalizi!) e abbiamo optato per il Mantra Raw Vegan, in zona Porta Venezia a Milano. Crudismo in pieno inverno? Sfida accettata!Il Mantra Raw Vegan  è infatti un ristorante crudista e vegano, anzi, a Milano è il primo ristorante del genere e io volevo provarlo da molto tempo, Pontin mi ha così fornito l’occasione perfetta, potevo dunque non iniziare a scattare foto a raffica?

Dall’esterno si può già vedere la cucina che affaccia su una delle due vetrine; ottimo segno, mi piace sempre vedere cosa e come si cucina…persino in una cucina che non cuoce nulla 😉 Ecco quindi lo chef, Alberto Minio Paluello, in una coloratissima casacca a tema frutta e verdura , comparire subito in scena intento a preparare dei ravioli di zucca assolutamente crudi. Alle sue spalle un attrezzo che assomiglia ad un bazooka – non saprei come altro definirlo- e che scopro poi essere una vera e propria pressa idraulica capace di far impallidire qualsivoglia estrattore per la sua capacità di non disperdere alcun nutriente presente in frutta, verdura e semi, utilizzata per i succhi e per altre ricette.

All’interno il locale è luminoso, minimale sui toni del bianco e del legno chiaro, gli unici tocchi di colore sono dati dalle sedie nei toni pastello del rosa e dell’azzurro, dai fiori che decorano i tavoli e dai cibi esposti. Accanto alla cassa c’è un piccolo angolo market con chips varie, semi e super food in generale rigorosamente alla spina e di produzione propria. Trionfa anche un bel frigorifero colmo di succhi preparati con il bazooka/pressa idraulica. Per entrare nella zona adibita a ristorante si passa davanti al meraviglioso bancone dei dolci (così ci si “prepara” a lasciare il famoso “spazietto” per il dolce) e al bancone della caffetteria; Mantra è infatti aperto dal mattino alla sera e offre colazioni, pranzi, merende e cene.

Mantra interior

Una bella ragazza ci mostra il nostro tavolo, ci sediamo  e Pontin mi avvisa che  qualche tavolo più in là c’è Paola Maugeri, speaker radiofonica, nonché autrice di diversi libri vegan. Questo mi fa sentire molto cool, ma al contempo mi fa temere che il conto del pranzetto sarà un po’ fuori budget, mettiamola così. Per fortuna uno sguardo al menù mi rincuora, i prezzi infatti vanno dai 4 € per gli snack/antipasti ai 10-12 € per i piatti principali. Ce la posso fare insomma, pur sapendo che questa volta mangerò più delle prossime poiché mi preme farmi un’idea più precisa dell’offerta. Inoltre ho fame, molta fame e per fortuna Pontin  non è una che si tira indietro quando c’è da “sacrificarsi per la causa” 😉

Mantra Food

La povera ragazza che seguiva il nostro tavolo ci ha dovuto lasciare più di 10 minuti per decidere cosa ordinare poiché, a discapito di quanto normalmente considerato, l’inverno offre una grande varietà di prodotti stagionali e il menù presenta moltissime offerte ( qui potete dare uno sguardo più completo) e…sembrano tutte appetitose, rendendo la scelta sempre più ardua! Ma ce l’abbiamo fatta. Ecco cosa abbiamo ordinato dunque (da in alto a sinistra proseguendo in senso orario);

Crackers di  zucchine e noci al rosmarino & mandorle, funghi shitake e Patatine di cavolo essiccate con salsa di anacardi al peperone

Ravioli di zucca con  fonduta di pinoli e spinaci, pesto di coriandolo e semi di zucca, mela in agrodolce ( dopo averli visti nella manine dello chef potevo forse non provarli?)

Insalata di spinacino, pere, avocado, pomodori pachino affumicati, finocchio marinato con emulsione alla senape e spuma al limone

Polpettine di funghi e noci su  salsa marinara di pomodoro

Sulla bellezza dei piatti non c’è da discutere, persino il mio sgangherato smartphone  è riuscito a renderla evidente. Ma la bontà? Si parla pur sempre di cibo crudo, o quantomeno essiccato, fermentato o ammollato, no? Ecco il punto forte del Mantra Raw Vegan; il cibo è il vero protagonista…ed è incredibilmente buono, una vera esplosione di gusto e sapori unici. Persino una “normale” insalata si trasforma in un piatto sofisticato, pur restando fedele agli ingredienti semplici che la compongono. Nessun sapore è coperto o mascherato, nessun ingrediente prevale sull’altro, ogni piatto è una vera e propria sinfonia  di sapori che si sposano naturalmente. Le chips di cavolo nero hanno messo in seria crisi la mia produzione casalinga di cui andavo relativamente fiera, i crackers hanno alzato l’asticella delle mie aspettative future, i ravioli erano corposi, cremosi e così belli da farmi sentire quasi in colpa nel mangiarli, l’insalata mi ha fatto guardare con ammirazione la pera e le polpettine  di funghi e noci….aaaaaaaaahhhh, i miei due ingredienti preferiti insieme, potevano non essere sublimi?

Mantra Cake

Vi ricordate il famoso “spaziettino per il dolce”? L’ho lasciato ovviamente – ed è stato facile perché gli enzimi mantenuti intatti dei cibi crudi (o comunque cotti a temperature inferiori ai 42°) aiutano la digestione, di conseguenza ci si sente sazi, ma non appesantiti. Ho ritenuto che una tale bellezza meritasse una foto tutta sua;

 Cheesecake  al lampone con base all’essenza di rosa e sale dell’Himalaya

Che dire? Quasi mi scappava una lacrima di commozione ad ogni boccone; base croccante e compatta, farcitura cremosa e non eccessivamente dolce, in modo da dare il giusto risalto al lampone, il vero protagonista della torta. Consiglio; i dolci sono soggetti a disponibilità, quindi al momento di ordinare fatevi tenere già da parte quello che avete “puntato”, il tavolo accanto al nostro ha dovuto “ripiegare” su un Tirawmisù (dall’aspetto delizioso) dopo che io e Pontin abbiamo fatto fuori tutta la cheesecake rimasta.

Mi pare evidente che chiunque abbia delle remore sulla cucina crudista e vegana debba davvero ricredersi così come  chiunque la deleghi al periodo estivo; mai inverno fu più colorato durante il mio pranzo in questo paradiso del raw food.

Voto; 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂


2 risposte a “Mantra Raw Vegan, Milano”

  1. trudi_brugesvegan

    Looks like a cosy and interesting place, with delicious food!

    Rispondi
    • glendalicious

      You’re right, I’ve really enjoyed the time spent there thanks to the atmosphere, the company and, above all, the food!If you ever come to Milan, put it on your list ( and maybe we can go there together, I’d love that!)

      Rispondi

Lascia un commento