New beetroot burger


Che io adori la barbabietola rossa non è certo un segreto, la infilo in moltissime ricette – smoothie compresi- spesso e volentieri infatti! Probabilmente perché è uno di quegli ortaggi che da onnivora non consideravo proprio, mi faceva un po’ “anziano” e trovavo il sapore troppo terroso, troppo forte… ora invece apprezzo proprio queste qualità della barbabietola, forse davvero sono diventata anziana 😉

Ho già pubblicato una ricetta per i burger di barbabietola (la trovate qui), ma questa è una nuova versione e siccome trovo che sia davvero buona, ho deciso di pubblicarla. In realtà ho leggermente modificato una ricetta trovata online sul blog Sweet as honey  di Carine, una mamma francese che vive in Nuova Zelanda. La ricetta era già vegan, ma io ho modificato le quantità e variato qualche ingrediente, qui comunque potete trovare la ricetta originale di Carine.

Ingredienti ( per circa 8 burger)

50 gr di bulgur

50 gr di quinoa nera (ma qualsiasi altra varietà andrà benissimo)

2 barbabietole cotte di medie dimensioni

1/2 panetto di tofu naturale

1/2 cipolla bianca

1 generosa manciata di foglie di basilico

1 cucchiaio di soia a basso contenuto di sale ( se usate quella “normale” potete praticamente evitare di aggiungere altro sale)

2 tazzine da caffè di semi di lino e mandorle tritate

3-4 cucchiai di farina integrale

olio extra vergine d’oliva q.b. ( per cuocere)

Procedimento

Iniziamo cuocendo il bulgur e la quinoa insieme mettendoli in un pentolino con coperchio con il doppio del loro volume di acqua fredda. Una volta raggiunto il bollore, togliere il coperchio e cuocere a fiamma bassa fino al completo assorbimento dell’acqua – ci vorranno circa 10 minuti. Spegnere e lasciare riposare.

Nel boccale del nostro robot da cucina mettiamo la barbabietola tagliata in pezzi di circa 1 cm (Carine consiglia di grattugiarla, ma io non l’ho trovato necessario), la cipolla affettata, il tofu in pezzi (pressato un po’ per perdere più acqua possibile), il basilico lavato ed asciugato bene, la soia ed il mix di semi di lino e mandorle. Frullate ad media-alta velocità, fermandovi ogni tanto per ricompattare il composto.

Aggiungete ora il bulgur e la quinoa cotti – fate attenzione che non sia rimasta acqua. Frullate nuovamente per amalgamare il tutto.

Infine aggiungete la farina integrale e frullate di nuovo, il composto deve risultare liscio ma “appiccicoso”. Se serve, aggiungere un pizzico di sale e pepe.

Versate il composto in una ciotola, coprite con pellicola e lasciatelo riposare in frigorifero per 15-20 minuti.

Trascorso questo tempo iniziate a formare i vostri burger, consiglio di inumidire le mani (od oliarle con un po’ di olio extra vergine d’oliva) per maneggiare meglio il composto. Rimetteteli poi in frigorifero per almeno un’oretta – così si rassoderanno bene e non si romperanno in cottura! Potete anche congelarli prima della cottura per avere sempre qualcosa di scorta nei casi di “emergenza”!

Cuocete i vostri burger in una padella antiaderente ben calda e leggermente unta con olio extra vergine. Basteranno circa 3 minuti per lato. Io amo i burger un po’ “cicciottosi” e non piatti piatti, questo comporta che la mia crosticina non è mai omogenea, ma ciò non intacca la cottura né tanto meno il gusto!

In frigo si mantengono fino a 5 giorni e nel congelatore fino ad 1 mese.


Una risposta a “New beetroot burger”

  1. trudi_brugesvegan

    Looks good! and colourful 🙂

    Rispondi

Lascia un commento