Shepherd’s Pie di lenticchie


Forse è un po’ presto per condividere questa ricetta, infatti l’ho sperimentata per la prima volta solo ieri, ma siccome ritengo sia riuscita già piuttosto bene (ed io di solito sono molto critica su ciò che cucino), non posso esimermi dal testarla con chi mi legge, quindi fatevi sotto con modifiche e migliorie – in tono gentile eh- sono sempre pronta a rivedere ogni ricetta.

Era da molto tempo che volevo cimentarmi con questo piatto della tradizione irlandese – d’accordo, anche inglese ed americana, ma sapete che io sono di parte, no 😉 –  soprattutto durante le mie trasferte dublinesi, ma l’unico neo di questa ricetta è che ha dei tempi un po’ lunghi di preparazione e ogni volta che io e Blondie torniamo a casa, di solito dopo chilometriche passeggiate nei boschi, la fame è tale che la cena deve essere pronta in massimo 20-30 minuti, il mio tempo limite prima che la fame si trasformi in aggressività verso il prossimo, quindi niente Shepherd’s Pie (chiamata anche Cottage Pie) all’orizzonte per me, l’altra sera invece il miracolo; ore 20.00 ancora nessun segnale di fame, un rapido check di frigorifero e dispensa mi hanno confermato che avrei potuto simulare un primo abbozzo di Shepherd’s Pie e quindi…ecco qui la ricetta 🙂

Ingredienti;

4 patate grosse a pasta gialla

1 cucchiaio di lievito alimentare (opzionale)

200 gr di lenticchie secche (qualsiasi tipologia andrà bene, meglio quelle marroni quindi)

400 gr di passata di pomodoro

200 gr di acqua

1 cucchiaino di concentrato di pomodoro

Misto per soffritto (cipolla, carota, sedano nelle proporzioni che preferite)

1 bicchiere di vino rosso

olio extra vergine di oliva

sale, pepe, peperoncino e – perché no?- un pizzico di paprika affumicata

Extra ( ovvero li avevo in frigo e dovevo terminarli)

1/2 tazza di ceci lessati

1 manciata di rucola

Procedimento;

Iniziamo pelando le patate e mettendole intere in un pentolino con acqua fredda, portiamo a bollore e lasciamo cuocere per 20 minuti circa, finché non saranno morbide. Scoliamo e lasciamole raffreddare.

Nel frattempo, in una pentola dai bordi alti versiamo un po’ di olio e aggiungiamo cipolla, carota e sedano sminuzzati finemente. Lasciamo imbiondire per pochi minuti, poi aggiungiamo il concentrato di pomodoro, il vino e le lenticchie secche e facciamo insaporire per 5 minuti circa, facendo sfumare l’alcol del vino.

Ora possiamo aggiungere la passata di pomodoro e l’acqua. Una volta a bollore, abbassiamo la fiamma e aggiungiamo il sale – sempre pochino, mi raccomando- il pepe – ancora meno-  il peperoncino e la paprika affumicata- se piace, abbondate pure 😉 . Chiudiamo con un coperchio e lasciamo sobbollire per 40-50 minuti ( dipenderà dalla qualità delle lenticchie), rimestando ogni tanto.

Una volta che le lenticchie saranno pronte, a piacere possiamo aggiungere i ceci già cotti e la rucola , facciamo amalgamare bene e poi spegniamo la fiamma.

Scaldare il forno a 200° C.

In una teglia da forno dai bordi alti (la mia in foto è piccolina, circa 18 cm, credo che una da 23 andrebbe meglio- ma comunque l’avanzo di “ripieno” si può utilizzare come sugo per la pasta il giorno dopo) versiamo le lenticchie ed  uniformiamo  la superficie con il dorso di un cucchiaio.

Passare le patate ormai raffreddate con uno schiacchiapatate (o una forchetta) in una ciotola, se ce l’abbiamo, uniamo il lievito alimentare e amalgamiamo bene, la consistenza deve essere simile a quella di un purée, ma più compatta.

Infine, con l’aiuto di un cucchiaio, distribuiamo le patate amalgamate sopra il ripieno di lenticchie in modo uniforme. Con i rebbi di una forchetta  possiamo disegnare delle righe su tutta la superficie, a piacere aggiungere ancora un po’ di lievito alimentare.

Infornare per 25 minuti + 5 di grill, le patate devo fare una bella crosticina soprattutto ai lati.

Ora ci manca solo un bel cottage, un po’ di pioggia e il mare per sentirci Irlandesi 😉


Lascia un commento