Pere al forno


Mi rendo conto ora che questo è il primo articolo del blog dell’anno “nuovo”…e siamo praticamente a fine gennaio! Chiedo scusa, ma in effetti sono stata poco ispirata in cucina, soprattutto dopo aver tanto cucinato durante le feste, quindi oggi propongo una ricetta facile per un “dessert” inaspettatamente goloso; le pere cotte.

Possono le pere cotte essere considerato un dessert? Con qualche piccolo accorgimento io credo proprio di sì. Dimenticate le pere stracotte e mollicce “da ospedale”, la versione che propongo ha per protagoniste delle pere croccanti all’esterno ma con cuore morbido, naturalmente dolci e golosissime grazie all’aggiunta del cioccolato. Ma la cosa migliore è che sono pronte in 30 minuti.

Ingredienti;

2 pere qualità Kaiser (calcolate mezza pera a testa)- questa varietà è la più adatta alla cottura al forno poiché di forma regolare, dolce e dalla polpa compatta

4- 5 cucchiai abbondanti di sciroppo d’acero

1 cucchiaino di succo di limone

Per guarnire;

Tutto quello che vi viene in mente andrà benissimo, io ho scelto chips di cioccolato fondente e granella di pistacchi.

Procedimento;

Accendete il forno a 180°, nel frattempo lavate con cura le pere senza sbucciarle, poi tagliatele a metà nel senso della lunghezza e privatele del torsolo fibroso e dei semi.

In una ciotola o in un piatto fondo versate il succo di limone e lo sciroppo d’acero, mescolate e aggiungete le pere tagliate, avendo cura di rigirarle in modo che vengano ricoperte per bene.

Disponete le pere su una teglia ricoperta con carta da forno, versate la restante miscela di sciroppo d’acero e limone sulle pere ed infornate per 30 minuti a 180°.

Una volta sfornate calde, guarnitele con le chips di cioccolato fondente e spolveratele con la granella di pistacchi. Finito!


Spice-it di Arance Danno


Da dicembre a febbraio abbiamo la fortuna di trovare le arance siciliane più buone del mondo, ovvero quelle dell zio Jano di Ciricò, le mie adorate Arance Danno ( per chi segue il blog da poco, qui trovate l’articolo che spiega il mio amore per i fratelli Danno), ordinabili online. Siccome laggiù i ragazzi sono instancabili e mentre aspettano che le arance maturino – e quest’anno il povero zio Jano è stato messo a dura prova dall’inverno anomalo- pensano a come rendere la loro bella isola un posto dannatamente favoloso, Angelo, Paolo ed Enrica (e tutti gli altri di cui al momento mi sfuggono i nomi!scusascusascusa) hanno iniziato a pensare a come far fronte a due questioni che in Sicilia sono all’ordine del giorno da ormai molto tempo; l’abbandono della campagna da parte dei giovani italiani e l’arrivo quasi incontrollato di giovani migranti. Leggi…