Insalata di pomodori, carosello e fichi


Conoscete il carosello pugliese? Io l’ho scoperto da poco grazie al signore pugliese che ha un banco di frutta e verdura al mercato della domenica. All’inizio non riuscivo a capire se fosse un cetriolo più cicciotto e chiaro o un prodotto esotico, poi il signor Marco mi ha spiegato di cosa si trattasse – io in Puglia non sono ancora mai stata (che amarezza, lo so!) e ovviamente non ho potuto resistere e l’ho acquistato.  Leggi…


Cauliflower rice con verdure e hummus di barbabietola


Ebbene sì, sono un po’ meteoropatica, lo ammetto; non è che non ami l’inverno, ma quest’ultimo è stato per me particolarmente difficile e pesante ed in generale i mesi di gennaio e febbraio sono per me i più ostici, quando arriva Marzo tiro sempre un sospiro di sollievo, anche se poi magari si rivela un mese piovoso e grigio – come vuole la tradizione – io riesco comunque ad entrare in un’altra “modalità”, quella primaverile, nella quale mi sento rinascere come la natura circostante. Al momento pioggia e vento si alternano a giornate di sole e cielo azzurro qui a Milano, quindi ecco una ricetta che mi porta un po’ in climi più mediterranei, dove però il cavolfiore fa da padrone, regalando una leggerezza ed un gusto inaspettati al più classico dei piatti estivi; l’insalata di riso 😉

Leggi…


Riso venere con cavolo cinese, pomodori e lenticchie in salsa d’avocado ed arancia


Già il lunedì è sempre un giorno quantomeno delicato per tutti, se poi ci mettete che è da più di un mese che a casa ho un’infiltrazione d’acqua e solo oggi il perito dell’assicurazione è venuto a fare il sopralluogo, dandomi peraltro pessime notizie in merito ad una veloce risoluzione del problema, avrete un bel quadretto di questa mia giornatina! Ecco perché a pranzo mi sono regalata una botta di colore tra mise en place e cibo; avevo bisogno di un po’ di positività! Grazie alla Boss, ho ancora riserve di riso Gallo, quindi oggi ho scelto il Riso Venere. Sappiate che ciò che richiederà più tempo per la preparazione sarà la cottura del riso ( 18 minuti), per il resto anche questo piatto rientra nella mia filosofia “ a tavola in venti minuti” ed è buono sia caldo che freddo, quindi ideale anche per una schiscetta da ufficio (ndr “schiscetta” significa pranzo al sacco in milanese!). Leggi…