SoulGreen, il nuovo veg-chic a Milano


Aperto da Stefano Percassi  poco più di due mesi fa, il ristorante vegano SoulGreen in Piazzale Principessa Clotilde a Milano, a due passi dalla zona Garibaldi, si è già imposto sulla scena milanese  come luogo cult non solo per i vegani, ma per chiunque voglia sentirsi green …e anche un po’ chic 😉  Il locale ha infatti un’inconfondibile allure industriale  tipica dei locali delle grandi capitali europee o nordamericane. Entrando, si ha l’impressione di essere a Berlino o a New York, e ai milanesi questo piace moltissimo.

Leggi…


HappyFood, ristorante vegano a Dublino


Camden è una zona di Dublino decisamente vivace e giovane; si trova a due passi dal Trinity College, di giorno è piuttosto tranquilla e popolata da “colletti bianchi”, di sera esplodono pub e ristoranti dalle cucine più disparate e la zona è frequentate dai veri Dublinesi, quelli che tendono a non attraversare nemmeno la zona di Temple Bar per capirci 😉 (che comunque resta una zona da vedere, non c’è nulla di male a fare un po’ i turisti!) Leggi…


Flower Burger apre la seconda veganburgheria a Milano


La settimana scorsa sono andata all’inaugurazione del secondo punto vendita di Flower Burger, la veganburgheria milanese, che ha aperto proprio a due passi dalla Darsena, in Via Vigevano al 6. Ero già stata da loro  in Viale Vittorio Veneto e quindi non ci poteva essere notizia migliore per me visto che questo nuovo punto è più vicino a dove abito e ricordavo la bontà dei loro burger 100% vegetali e soprattutto del  loro pane rigorosamente home made! Ero invece rimasta un po’ delusa dalle patatine (qui potete leggere la recensione completa), ma mi è stato detto da amiche che ci sono andate più spesso che probabilmente ero capitata nella serata sbagliata, purtroppo in questa nuova occasione non ho potuto ricredermi, ma solo perché non le ho mangiate 😉 non mancherò di farlo presto, non temete! Leggi…


Le 10 città più vegan d’Europa (e dove mangiare)


D’accordo, alle vacanze vere e proprie mancano ancora un paio di mesi, ma non è mai troppo presto per fare programmi, no?Inoltre tutte le destinazioni di questa Top Ten si raggiungono comodamente in treno o al massimo in aereo in un paio d’ore, quindi sono perfette anche per un week-end “all’avventura”. Avventura con un lieto fine però se, oltre a visitare la città, potrete anche godervi un pranzo od una cena nei ristoranti vegani più amati dai locali, perché non di sola insalata viviamo noi vegan, anzi tutt’altro 😉 Leggi…


Mantra Raw Vegan, Milano


Qualche giorno fa io e Pontin, la mia amica dai capelli rossi, ci siamo ritrovate per un pranzetto “regali& gossip” (ebbene sì, siamo ormai a febbraio, ma io devo ancora consegnare regali natalizi!) e abbiamo optato per il Mantra Raw Vegan, in zona Porta Venezia a Milano. Crudismo in pieno inverno? Sfida accettata! Leggi…


Veggy Days, Salò (BS)


Sono capitata a Salò davvero per caso, il Lago di Garda infatti non rientrava nei miei piani vacanzieri, non certo perché manchino i bei posti, anzi, è vero tutto il contrario, ma forse perché avendolo così vicino l’ho sempre dato un po’ per scontato. Grosso, grosso errore, lo ammetto. Salò è un paese magnifico, ricco di storia – venne fondato dai Romani ed esiste ancora oggi una necropoli – logisticamente ben organizzato per sostenere il flusso di turisti durante i mesi estivi (e non solo) con parcheggi ampi appena fuori dal centro, curato, pulito e moderno, senza per questo risultare finto; insomma, è  un posto che attira un certo tipo di turismo meno chiassoso di tante altre località italiane. E poi vogliamo parlare del fascino del Lago? Con le sue acque chiare e terse, la vegetazione fitta di canneti, i cigni e le papere padroni indiscussi  e quella brezza dolce che è come un balsamo per l’anima.  Leggi…


Cornucopia, Dublin


Uno dei miei posti preferiti  a Dublino  è decisamente Cornucopia; aperto dal 1986 nella centralissima Wicklow Street, questo locale su due piani in una deliziosa palazzina giorgiana è ormai un’istituzione ed una tappa obbligata per vegetariani, vegani ed onnivori attenti alla salute ed al gusto. Il ristorante nasce come vegetariano, ma sono innumerevoli le opzioni vegan, anzi, direi che ormai hanno preso il sopravvento. Frutta e verdura sono coltivate localmente in maniera biologica – ça va sans dire –  il menù è stagionale e comprende opzioni per celiaci, vegetariani, vegani e persino crudisti. Ce n’è per tutti, impossibile non innamorarsi di questo posto quindi!

Leggi…