Un vegano al Mercato Metropolitano


[:it]

Qualche mese fa a Milano ha aperto il Mercato Metropolitano che aderisce al progetto Expo in città, il cui scopo è, tra le altre cose, sensibilizzare le persone ad acquistare cibo locale e stagionale. Il mercato sorge sulle ceneri dei vecchi magazzini della ferrovia di Porta Genova su un’area di ben 15.000 mq, ha uno spazio coperto ed uno all’aperto; nella zona esterna c’è il vero e proprio mercato con banchi di frutta e verdura, piccoli negozi indipendenti, street food e prodotti tipici, ma  a dirla tutta sono gli  orti urbani e  le piante aromatiche a caratterizzare davvero lo spazio, menzione d’onore per il cinema all’aperto dove, muniti di lozione anti zanzare (ricordiamoci che il Naviglio è proprio lì a due passi), si possono guardare film o partecipare a seminari (qui il calendario eventi) . L’ampio spazio al coperto ospita invece i banchi del fresco e le botteghe del cibo da consumare sul posto.

Ero molto curiosa di visitare l’ultima novità della mia città, ma sono un po’ allergica alla vita sociale, inoltre preferisco farmi un’idea su un luogo dopo un po’ di tempo che questi ha aperto, all’inizio, subito dopo l’assestamento, è facile che tutto sia bello e perfetto, ma è dopo qualche mese che davvero si può capire la natura e l’anima di un novità. Ecco quindi che in un pigro pomeriggio estivo, per festeggiare un risultato positivo, io e la mia hermana un po’ per caso – come ci capita spesso- siamo finite al Mercato Metropolitano in un orario particolarmente favorevole, ovvero quando non si è ancora scatenata la “ressa” da aperitivo, ma è comunque socialmente accettabile farsi un cocktail, dovevamo festeggiare, no 😉 ?

CollageMercato Metropolitano

Lo spazio, sia interno che esterno, è davvero molto bello nella sua semplicità agro-industriale; il riutilizzo dei bancali e l’utilizzo di colori e materiali naturali, ma soprattutto tutte le vasche adibite ad orto, contribuiscono a rendere l’ambiente una vera “boccata d’aria” in una città che ingiustamente è sempre stata definita grigia. Ci stiamo finalmente riappropriando del color zafferano invece, così come del rosso mattone e, soprattutto, cerchiamo di ampliare le nostre zone verdi. Non dico che Milano sia una città più vivibile, sicuramente però  i Milanesi hanno cambiato il modo di vivere la loro città e cercano uno svago diverso.

Ma cosa può mangiare una vegana al Mercato Metropolitano? Perché ahimè tra i prodotti simbolo della Lombardia spiccano su tutti formaggi e salumi (qui l’elenco completo) , ovvero tutto quello che un vegan NON mangia e l’ora era un po’ tarda per “accontentarmi” della splendida frutta in vendita….

Vegan in Mercato Metropolitano

Ed ecco che incontro lo stand coperto della Insalateria e del Pane, entrambe con una fantastica offerta vegan capace di sfamare i palati veg più esigenti; accanto alle insalate, combinabili con ingredienti a piacere, spiccano primi piatti a base di cereali quali farro, orzo e cous cous , ma anche verdura al vapore e centrifughe. Ahimè la focaccia vegana dello stand del Pane era terminata – a riprova del fatto che non solo i vegani mangiano cibo vegano 😉 , quindi mi “sacrificherò” e tornerò molto presto!!

Anche con  lo street food presente nello spazio esterno comunque ci si può sfamare, ma certo il rischio di vedere dei polli girare su uno spiedo gigante è altissimo, quindi vale la pena restare all’interno o…concedersi un aperitivo -sul presto – nel piccolo chiosco del mitico Rita & Cocktails, la cui “casa madre” si trova comunque al di là del ponte, e lasciarsi suggerire cosa bere dal Barman, per l’occasione in salopette di jeans nella migliore tradizione del Farmers Market. Io ed hermana abbiamo dunque festeggiato con un’ottima Vodka Zen a base di zenzero (e vodka…ovviamente), il tutto accompagnato da un’offerta super veg e assolutamente tradizionale, ossia verdure in pinzimonio, olive verdi e patatine 🙂

CollageMercatoMetropolitanoMIlano

Mi resta solo un dubbio; cosa succederà al Mercato Metropolitano una volta terminato Expo? Non trovo notizie per il momento! Ad ogni modo, cari vegani Milanesi o in visita, andate tranquilli (ed affamati) anche qui….avrete solo l’imbarazzo della scelta!

[:]


Lascia un commento