Vegan almond mozzarella


Quanti vegani rimpiangono ancora un po’ i formaggi? Io, da quando ho scoperto quelli a base di noci, non più, ma capisco bene che per molte persone “in transizione” rinunciare alla caseina sia un po’ più difficile, d’altra parte diversi studi hanno ampiamente dimostrato quanto i grassi della caseina agiscano sui recettori oppioidi del cervello, provocando quindi assuefazione e dipendenza (qui potete approfondire uno degli ultimi studi pubblicato nel 2015).

Ecco una ricetta che ormai spopola online, perfetta per i vegani ovviamente, ma anche per gli onnivori attenti a ridurre l’apporto di grassi e proteine animali nella loro dieta; la mozzarella di mandorle, pronta in pochissimi minuti e che ci permette di risparmiare un po’ di soldini – perché ormai di formaggi vegetali in commercio se ne trovano, ma hanno sempre un costo un po’ elevato ed inoltre molti non sono così salutari come declamano!

La ricetta non è mia, infatti  l’ho trovata sul gruppo FB Bimby Vegan  ed è stata ripresa paro paro dal blog Veganmania che offre tante ricette vegetali davvero gustose; per chi non possiede il Bimby, nessun problema, il procedimento richiederà solo di sporcare un pentolino in più e di controllare la cottura, allungando il procedimento  solo di pochi minuti;

almond mozzarella

Ingredienti

40 gr di mandorle (se non pelate, lasciatele ammollo una notte e poi rimuovete la pellicina- idem se sono già pelate, ma il vostro frullatore non è potentissimo)

25 gr di maizena

5 ml di olio extra vergine di oliva

160 ml di acqua

2 pizzichi  generosi di sale integrale

Procedimento

Dopo aver eliminato la pellicina marrone delle mandorle, frullatele ad alta velocità fino a ridurle in polvere – più fine ed impalpabile sarà, più il risultato finale sarà privo di grumi. Quindi frullate almeno un paio di volte, avendo cura di ricompattare il tutto sul fondo in modo omogeneo.

Aggiungete l’acqua e frullate nuovamente per pochi minuti.

Versate il tutto in un pentolino dai bordi alti, aggiungete i restanti ingredienti (maizena, olio e sale) e portate a bollore, mescolando continuamente con una frusta (anche quella elettrica andrà benissimo). Ci vorranno poco più di 5 minuti per far addensare bene il composto.

A questo punto versate il tutto in una ciotolina leggermente inumidita, fate raffreddare e poi conservate in frigorifero per un paio d’ore prima di consumare.

E ora la domanda “cruciale”….di cosa sa? Perché mentre bollirà sentirete un intenso profumo di mandorle e vi chiederete ” Oddio, sarà dolce?Sarà commestibile??” La risposta è ; no, non sarà dolce (ecco perché per la prima volta consiglio di essere un po’ più generosi col sale) e sì, sarà più che commestibile, anzi io l’ho trovata deliziosa, ma non aspettatevi lo stesso sapore della mozzarella di mucca ovviamente, avrete una consistenza molto simile ed un gusto fresco e diverso.

Ieri ho fatto anche la versione a base di anacardi – la mia passione- e ho aggiunto anche un pizzico di lievito alimentante…al momento è ancora in frigo, l’aspetto è un po’ più scuro e sul sapore vi saprò dire più tardi, ma sono fiduciosa 😉


Lascia un commento